24 giugno 2020

Napoli. Bullizzata da "amici" perché obesa: 12enne si sente male e finisce in ospedale 

Torna prepotente un tema davvero triste e che spezza il cuore, il bullismo. Questa volta la vittima dell’ennesima aggressione verbale – e quasi anche fisica – è una ragazzina appena 12enne. La sua “colpa”? Avere qualche chilo di troppo, secondo i suoi heaters, che hanno deciso di martorizzarla e bullizzarla fino a farla sentire male.

Siamo a Napoli, è qui che nasce questa storia di dolore e sofferenza. Una ragazzina, quasi bambina, è stata denigrata e "stalkerizzata" da due "pseudo amici" con foto "imbarazzanti" e minacce sui social, anche di morte, per i suoi chili di troppo. È diventata vittima di una persecuzione su Instagram e ieri è finita in ospedale a causa di una sincope. Un attacco di panico dovuto alle ripetute minacce che le hanno fatto perdere il fiato al punto da necessitare di un ricovero ospedaliero.

L’episodio ha chiaramente fatto scattare delle indagini da parte delle forze dell’ordine e in primo luogo è emerso che, I presunti haters - un 14enne e una 13enne - avrebbero attaccato anche la mamma della ragazza, che aveva cercato di difendere la figlia rivolgendosi a uno dei genitori dei due "bulli". L’intera famiglia è finita alla mercé dei bulli, baby bulli che hanno mostrato di non aver alcuna pietà per una propria coetanea.  

Infatti, dopo avere raccolto il grido d'allarme della figlia, la madre della 12enne bullizzata dagli amici haters a Napoli si è rivolta a uno dei genitori dei due bulli. I ragazzini, invece di intimorirsi, hanno risposto prendendola di mira. E sono alquanto eloquenti le conversazioni via chat che la donna ha consegnato agli investigatori. "Attenta che stiamo organizzando una vattuta (pestaggio, ndr) a "L... più continui più la pestiamo...". Raccapricciante la chiosa del messaggio indirizzato alla professionista 50enne: "...dimostra un po' di affetto per tua figlia... Stronza si vede proprio che volevi abortirla...".

 

Fonte: Tgcom24

Condividi su:



Articoli Correlati