15 giugno 2020

 Piemonte. È la prima Regione ad aver smantellato l’Unità di Crisi: dichiarata la fine dell’emergenza

La Regione Piemonte ha smantellato l'Unità di crisi anti Coronavirus che era stata allestita a febbraio per fronteggiare l'emergenza pandemia. Ufficialmente gli esperti del pool che hanno traghettato la Regione fuori dall’emergenza sanitaria non sono più operativi in quanto – secondo le ultime indicazioni del governo locale – ormai la fase più critica della pandemia è cessata.  

Tuttavia, l'organismo continuerà a operare solo con un presidio di reperibilità tutti i giorni h24 presso la Protezione civile; il personale che in questi mesi vi ha fatto parte è tornato alle strutture di provenienza. Tutte le funzioni, comunque, verranno riattivate in caso di necessità.

"Possiamo dire - spiega Vincenzo Coccolo, commissario straordinario per l'emergenza Coronavirus in Piemonte - che è una notizia positiva. L'Unità di crisi è stata il termometro della situazione. Con il procedere degli eventi è stata progressivamente rimodulata, e ora, in quella che dal nostro punto di osservazione è diventata una 'Fase 2' molto avanzata, ha assunto la veste attuale".

La sanità piemontese non intende abbassare la guardia contro il Covid. E' in fase di allestimento una struttura che avrà carattere ordinario - operativa presso l'Asl Città di Torino - ritagliata sulle esperienze e le competenze maturate dall'Unità di crisi. Dunque, per ora la task force coordinata dal responsabile Coccolo è stata smantellata, ma ci sarà comunque un presidio di reperibilità h24, mentre alla Asl una vera e propria unità permanente. In Piemonte finora l’emergenza Covid ha causato quasi 31mila (30.989 per l’esattezza) contagi finora e quasi 4mila (3.996 ad oggi) i deceduti risultati positivi al Covid-19.

Fonte: Regione Piemonte 

 

Condividi su:



Articoli Correlati