05 giugno 2020

Puglia. Il primo grande rientro dal Nord e dall’estero, in 20.000 tornano a casa: il governatore Emiliano non è preoccupato

Scoccata la mezzanotte di ieri sono oltre 20mila le persone che hanno compilato il modulo per segnalare il proprio arrivo in Puglia e nelle altre regioni di Italia. Per la precisione – secondo quanto riferisce l’unità regionale - sono 20.020, entrando nel dettaglio, sono 19.271 le persone provenienti dall'Italia, 749 quelle arrivate dall'estero. La Lombardia è la regione dalla quale si registra il maggior numero di arrivi: il 34,8%. Seconda, ma con una percentuale inferiore alla metà rispetto alla Lombardia, l'Emilia Romagna (13,7%). Seguono, con percentuali sotto il 7%, Campania, Veneto e Piemonte. Passando dalle regioni italiane ai Paesi esteri, è la Svizzera la prima nazione per numero di autosegnalazioni, 26,7%. Al secondo posto la Germania col 17,6%.

Seguono Gran Bretagna, Francia e Polonia. Inoltre, in 6.557 hanno scelto il primo giorno possibile - il 3 giugno - come data di rientro, 4.208 torneranno nella giornata di oggi, 3.076 domani, 2.150 sabato, 966 domenica. La fascia di età maggiormente registrata è quella compresa tra 31 e 50 anni (40,9%), seguita dalla fascia 51-70 (27,1%) e 19-30 (17,3%). Per la maggior parte, 55,2%, si tratta di uomini, 43,3% sono donne.

Inoltre, il 91,7% dei rientranti in Puglia svolge una professione non sanitaria (impiegato, pensionato, forze dell'Ordine ed anche disoccupati), il 2,7% sono medici, ma ci sono anche infermieri, operatori sociosanitari ed altre figure sanitarie. L'81,5% è arrivato in Puglia con auto o pullman, il 12,5% col treno, l'1,7% in aereo.

"La risposta alla nostra ordinanza da parte di chi sta arrivando in Puglia esprime meglio di ogni parola lo spirito di collaborazione e il senso di responsabilità dei cittadini", dichiara il governatore Michele Emiliano.

Fonte: Ansa

Condividi su:



Articoli Correlati