04 giugno 2020

Ancona. Intervento d’eccellenza, impiantato nel cuore di una donna pacemaker più piccolo del mondo 

Gli Ospedali Riuniti di Ancona sono il primo ospedale in Italia e il terzo in Europa a impiantare il pacemaker più piccolo al mondo: un primato raggiunto dopo anni di studi approfonditi e una tecnica d’élite. La struttura ha adottato la tecnologia Micra AV, pacemaker minuscolo in grado di garantire sincronia atrioventricolare (AV), indicato per il trattamento di pazienti a rischio di morte con blocco AV: ha un decimo delle dimensioni di un pacemaker tradizionale.

In effetti si tratta di una sorta di pacemaker invisibile che viene inserito nell'inguine del paziente e fissato con piccole ancore al cuore, rendendolo praticamente parte del corpo. La procedura è stata eseguita il primo giugno dal prof. Antonio Dello Russo, elettrofisiologo alla guida della squadra degli Ospedali Riuniti e della Clinica Universitaria di Cardiologia - Univpm, con la sua equipe di medici e tecnici (Dr. Gino Grifoni, Dr Manuel Antonio Conti, Dr Agostino Misiani, Ing. Danila Contaldo).

L'impianto è stato portato a termine in una paziente che rischiava la vita a causa di un disturbo del cuore, il blocco AV, che non le permetteva di essere sottoposta a un altro intervento. E dunque adesso la donna è fuori pericolo di vita grazie alla tecnologia adottata dall’ospedale di Ancona.

Fonte: Ospedali Riuniti di Ancona
   

Condividi su:



Articoli Correlati