11 maggio 2020

Sessanta anni di pillola anticoncezionale, un risultato storico per le donne di tutto il mondo

Il 10 maggio 1960 sugli scaffali delle farmacie americane, approvata dalla Fda, arrivava una pillola che cambierà per sempre la vita delle donne. Si tratta della pillola anticoncezionale che, da quel giorno, sancisce una vittoria sociale. La pillola contraccettiva, che in Europa sarebbe arrivata nel '61, autorizzata in Italia nel '67 per fini terapeutici ma accessibile di fatto solo nel 1976 quando il ministero della Sanità abrogò le norme che vietavano la vendita della pillola anticoncezionale, e alle donne italiane fu dunque “concesso” di farne uso.

Questo farmaco anti-concezionale, ormai conosciuto e apprezzato, si basa su due ormoni che, assunti in maniera quotidiana, inibiscono gli eventi ormonali che inducono l'ovulazione. Gli ormoni come possibilità anticoncezionale si studiano dagli anni '30 ma il controllo delle nascite è stato storicamente proibito nei paesi cattolici, addirittura illegale. Si deve ad un'attivista per i diritti delle donne, l'infermiera Margaret Sanger, fondatrice della Planned Parenthood of America, rivoluzionaria e all'avanguardia per i tempi (con i fondi dell'ereditiera Katherine McCormick) la creazione portata avanti in un piccolo laboratorio dal biochimico Gregory Pincus e dal ginecologo di Harvard John Rock.

Il medicinale Enovid, definito contro i disturbi mestruali, con la dicitura sulla confezione: "questo medicinale eviterà l'ovulazione" vendette in meno di due anni, più di mezzo milione di confezioni. Rispetto agli anni d'esordio, il contenuto della pillola è profondamente cambiato con la sintesi di nuovi progestinici, il progressivo ridursi dei dosaggi e soprattutto la diminuzione degli effetti collaterali. Nel frattempo (non meno dibattuta) è nata la pillola del giorno dopo. Oggi è utilizzata da più di 100 milioni di donne nel mondo, in Italia è circa il 16% della popolazione femminile fertile ad utilizzarla.

Dunque, ecco come nasce e viene diffusa la pillola anti concezionale, che al suo sessantesimo compleanno continua a racchiudere una lunga storia di lotta femminista e diritti. Infatti, questo farmaco è stato proibito per decenni e considerato illegale. Oggi, finalmente la parità di genere, in gran parte dei paesi mondiali, è un diritto.

Fonte: Ansa

Condividi su:



Articoli Correlati