06 maggio 2020

Bari. Ha un tumore al cervello e necessita di un costoso intervento: una raccolta fondi gli salva la vita

Questa bella storia arriva dal Salento e accende speranza nell’umanità. I protagonisti di questa vicenda sono il 35enne Andrea e la sua compagna Giovanna. È stata proprio lei, dopo aver scoperto che il compagno rischiava di morire a causa di un tumore al cervello, a lanciare una raccolta fondi sulla piattaforma GoFundMe per consentirgli un costoso intervento che sembrerebbe essere riuscito a salvargli la vita. Ma procediamo con ordine: a raccontare la storia è Giovanna Epifani, e lo ha fatto per ringraziare chi ha sostenuto economicamente il suo compagno.

Ci tiene a essere cauta, perché sa che per Andrea Vincenti - salentino come lei; i due sono originari di Corigliano e Maglie - l'incubo non è del tutto finito. Si è fatto un passo importante con l'operazione di asportazione della massa tumorale nella parte destra del cervello di Andrea, finito il 5 maggio sotto le mani esperte dei chirurghi dell'International Neuroscience Institute di Hannover, ma gli step per una totale guarigione sono ancora lunghi.

Dell'esito positivo dell'intervento, ha voluto aggiornare tutti con un post sui social, confidando in due notizie positive: "La prima è che i medici hanno potuto rimuovere più di quanto ci si aspettava - scrive - e la seconda è che il primo esame istologico ci dice che si tratta di un tumore benigno".

E attraverso il messaggio ringrazia le tante persone che sono state vicine ad Andrea negli scorsi giorni, non solo con una buona parola, ma anche con un gesto di generosità. Già, perché se questo primo passo verso la guarigione è stato percorso, è anche grazie a quasi 2mila persone, che hanno aderito alla raccolta fondi lanciata sul sito Gofundme il 22 aprile scorso da Giovanna per coprire le importanti spese mediche per l'operazione all'Ini. Ad oggi è stato superato l'obiettivo dei 60mila euro richiesti (al momento il counter recita 63.692 euro).

Fonte: GoFundMe 

Condividi su:



Articoli Correlati