13 aprile 2020

Mullte e denunce di Pasqua: a Milano barbecue con 40 persone, a Lodi uomo positivo organizza una festa e Palermo si festeggia sui tetti

Il giardino condominiale diventa luogo di ritrovo e divertimento. Seppur la situazione clinica italiana non corrisponda per nulla a questo clima. In barba alle norme di contenimento per il coronavirus, quaranta sconsiderati di un condominio di Milano si sono riuniti a Pasqua per fare tutti insieme una grigliata: immediato l’arrivo delle forze dell’ordine che hanno provveduto a multarli per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità, chiaramente su regolare segnalazione dei vicini di casa.

A tutto ciò si aggiunge che si tratta di residenti che occupano abusivamente gli appartamenti dello stabile di via Bolla, periferia nord-ovest della città, che hanno ben pensato di trascorrere la festività pasquale nonostante gli appelli giunti da più parti di evitare assembramenti e di stare in casa, tutti insieme come nulla fosse.

Sul posto sono dunque giunti gli agenti della Polizia Locale e i Carabinieri che hanno identificato molti dei partecipanti alla festa denunciandoli e multandoli. Come è giusto che sia.

Il sindaco ha tenuto a precisare che si tratta di episodi isolati e che invece la maggior parte dei milanesi è stato rispettosa del decreto.

Un uomo positivo al tampone organizza una festa con gli amici a Lordi: in sei denunciati

E' accaduto a Lodi. L'uomo da qualche giorno era risultato positivo agli esami per il Covid-19, era consapevole dell'esito dell'esame, ma nonostante ciò ha pensato bene di organizzare una festa nella sua abitazione, invitando cinque amici che si sono presentati all'appuntamento. Cibo, risate, tutto come se nulla fosse, la festa è andata avanti sino a quando un vicino si è reso conto che qualcosa non andava ed ha chiamato la Polizia.

Ovviamente sono stati multati tutti, quello che lascia il vero amaro in bocca però è come dinanzi ad una pandemìa di carattere mondiale si possa essere così leggeri e superficiali mettendo a rischio la propria salute e quella degli altri. Ma stiamo imparando qualcosa o no?

Grigliate sui tetti a Palermo

Le grigliate di Pasqua sui tetti dei palazzi e i giochi di fuoco all'arrivo dell'elicottero delle forze dell'ordine. Quello che è andato in scena ieri nel quartiere Sperone di Palermo sta facendo il giro d'Italia. E sono in corso indagini per identificare tutti i partecipanti alla festa pasquale, che hanno perfino postato sui social le immagini del loro pranzo gridando che "questo è il modo migliore di combattere il virus".

Rischiano sanzioni amministrative per le violazioni alle misure sul contenimento del coronavirus, ma anche segnalazioni al Tribunale dei Minorenni per i bambini tenuti senza i requisiti di sicurezza in una terrazza priva di parapetti, la denuncia penale per i fuochi d'artificio non autorizzati.

Dopo numerose segnalazioni, anche da parte del sindaco di Palermo Leoluca Orlando che ha definito i protagonisti della bravata "incoscienti criminali", sono intervenute le forze dell'ordine che hanno sorvolato la zona con un elicottero e la polizia municipale

Condividi su:



Articoli Correlati