03 aprile 2020

Covid.19. Borrelli: "1 maggio a casa. La fase 2 sarà di convivenza con il virus"

Oltre alla Pasqua, gli Italiani trascorreranno con ogni probabilità anche il 1 maggio a casa. Lo afferma il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli, che in un'intervista rilasciata a Rai Radio 1 ha parlato dell'eventuale evoluzione della pandemia e delle misure restrittive in Italia.

Il coronavirus, ha detto Borrelli prospettando ancora molte settimane di isolamento, "cambierà il nostro approccio ai contatti umani e interpersonali. Dovremo mantenere le distanze".

Intorno al 16 maggio, secondo la Protezione Civile, potrebbe essere realistico far partire la cosiddetta "fase 2" di convivenza con il virus, anche se la decisione definitiva spetterà agli esperti del comitato-tecnico scientifico. "Non vorrei dare delle date - ha detto in proposito Borrelli - però da qui al 16 maggio potremo aver dati ulteriormente positivi che consigliano di riprendere le attività e cominciare quindi la fase 2".

La situazione attuale, ha concluso Borrelli, consente almeno di "dare un po' di respiro alle strutture sanitarie e alle terapie intensive: si stanno alleggerendo di un carico di lavoro che ogni giorno era molto più forte e comportava sacrifici straordinari per trovare nuovi posti di ricovero e cura".

 

Fonte: Ansa

Condividi su:



Articoli Correlati