02 aprile 2020

Governo Conte, ora la chiusura fino a dopo Pasqua è ufficiale: ecco cosa è concesso ai cittadini per i prossimi quindici giorni

In questi giorni in molti hanno iniziato a parlare di una ripresa, della fine del lockdown, di passeggiate consentite e quarantena infinita. Ma tutto quello che c’è da sapere, fino al prossimo 14 aprile – giorno segnato in rossa sul calendario degli italiani come probabile fine della quarantena – lo ha specificato il premier Giuseppe Conte in una “nuova puntata” a reti unificate.

Non sappiamo se il 14 aprile allenteremo le misure

Il primo Ministro ha spiegato di non poter garantire quando finiranno le restrizioni: "Non siamo nelle condizioni di dire che il 14 aprile allenteremo le misure. Quando gli esperti ce lo diranno, entreremo nella fase 2 di allentamento graduale per poi passare alla fase 3 di uscita dall'emergenza, della ricostruzione, del rilancio". I morti, ha detto Conte, sono "Una ferita che mai potremo sanare, ma per ora dobbiamo stringere ancora i denti”.

Se allentiamo ora gli sforzi saranno vani

"Se iniziassimo ad allentare le misure - ha continuato il premier - tutti gli sforzi sarebbero vani, quindi pagheremmo un prezzo altissimo, oltre al costo psicologico e sociale, saremmo costretti a ripartire di nuovo, un doppio costo che non ci possiamo permettere. Invito tutti a continuare a rispettare le misure".

Non abbiamo autorizzato l'ora del passeggio dei bimbi

Conte si è anche soffermato sulla circolare del Viminale relativa ai più piccoli: "Non abbiamo affatto autorizzato l'ora del passeggio coi bambini. Abbiamo solo detto che quando un genitore va a fare la spesa si può consentire anche l'accompagno di un bambino. Ma non deve essere l'occasione di andare a spasso e avere un allentamento delle misure restrittive".

Lo stop agli allenamenti

Per quanto riguarda il nuovo divieto gli allenamenti degli atleti professionisti, Conte ha spiegato che è stato adottato "Onde evitare che delle società sportive possano pretendere l'esecuzione di una prestazione sportiva anche nella forma di un allenamento. Ovviamente gli atleti non significa che non potranno più allenarsi: non lo faranno in maniera collettiva ma solitaria”.

Dunque, fino al prossimo 14 aprile almeno, l’Italia resta avvolta nel lockdown complessivo con le stesse misure di sicurezza adottate finora per contrastare l’epidemia da coronavirus.

Condividi su:



Articoli Correlati