30 marzo 2020

Ritorno alla normalità? Brusaferro (Iss): "Valutiamo i dati a Pasqua"

"Solo dopo i dati di Pasqua si potranno rivedere i divieti". Lo afferma Silvio Brusaferro, Presidente dell'Istituto superiore di Sanità, intervistato da la Repubblica in merito al futuro che attende il nostro Paese e il mondo intero con l'evolversi della pandemia.

Sull'efficacia delle misure di contenimento finora adottate, il Presidente dell'Iss sostiene che sia troppo presto per parlare di veri e prori segnali di ripresa, ma si assiste comunque a un appiattimento della curva dei contagi che indica un certo rallentamento, un primo segnale positivo

"Anche quando i casi di coronavirus scenderanno a zero - dichiara però Brusaferro -, la vita non tornerà come prima per un bel po' di tempo. Almeno finché non verrà trovato un vaccino o un farmaco efficace contro la malattia".

"Purtroppo - prosegue - nel mondo non ci sono esempi da seguire saremo i primi a fare una operazione del genere e stiamo studiando vari modelli. Il problema è capire quali forme di apertura garantiscono che la curva non torni a crescere".

Impossibile dunque pianificare un vero ritorno alla normalità: i dati attuali non possono dirci molto su come la pandemia si svilupperà nei prossimi mesi. Occorerrà quindi attendere almeno le festività di Pasqua per effettuare le dovute valutazioni. Lo scenaio più realistico prevede un graduale alleggerimento delle misure restrittive, con un'apertura progressiva delle attività che vada di pari passo con un continuo rilevamento del rischio di di nuovi focolai di coronavirus.

Condividi su:



Articoli Correlati