16 marzo 2020

Italia. Aumentano i guariti, ma sono in arrivo le settimane più difficili: ecco il bollettino ufficiale di oggi

I numeri relativi alle guarigioni da Covid-19 fanno ben sperare, soprattutto dopo l’annuncio arrivato in queste ore dallo Spallanzani di Roma: nella struttura 315 pazienti hanno superato la fase clinica e sono stati dimessi dopo essere risultati negativi, gli ultimi 26 ieri, rimandati a casa o trasferiti alla Cecchignola, mentre dei 99 positivi 17 hanno bisogno di supporto respiratorio.

Dunque, si tratta di un barlume di speranza ma c’è da affrontare ancora l’apice dell’infezione. A sostenere che i prossimi 14 giorni saranno i più drammatici, diverse istituzioni scientifiche, tra cui l’opinione del fondatore dell'Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri, Silvio Garattini. “Per la settimana prossima ci aspettiamo il picco, realistico pensare a 30-40mila casi”. Lo ha ribadito in un’intervista a Radio Capital. “Tutto dipenderà da noi, dalla nostra capacità di evitare il contagio. Atteniamoci alle disposizioni - ha evidenziato Garattini - Se tutti avessero stili di vita adeguati e ci fosse un'adeguata prevenzione, forse saremmo più resistenti. La diffusione di virus e batteri continuerà a esserci, dobbiamo ripensare il mondo della salute”.

Insomma, l’incredibile lavoro dei camici bianchi in questi giorni sta facendo registrare un boom di guariti, ma il periodo più difficile ancora deve arrivare, secondo gli esperti. Intanto, stando all’ultimo bollettino ufficiale della Protezione Civile, ci troviamo di fronte a 23.073 contagiati al momento, (2.470 in più rispetto a ieri), di cui 2.749 guariti (414 in più risepotto a ieri). Tra ieri e oggi sono morte 349 persone, per un totale complessivo di 2.158 decessi. Il totale dei contagiati, dall'inizio dell'epidemia è di oltre 27.000 persone. 

Condividi su:



Articoli Correlati