11 marzo 2020

Follia coronavirus, in fila per il tampone si arrabbia e sputa sui medici

Quando la follia supera la paura del contagio. Quello che è accaduto all’ospedale Cotugno di Napoli è un gesto che ha lasciato di stucco l’équipe medica che da giorni lotta per salvare le vite di chi arriva in ospedale affetto da Covid-19.

A finire vittima dell’ennesima aggressione – questa volta a dir poco grave – sono un medico e un infermiere che ieri sera nell'ospedale Cotugno di Napoli sono stati raggiunti dallo sputo di una persona con sintomi febbrili che era in attesa di fare il tampone: spazientito dall'attesa l'uomo è andato in escandescenze e, dopo essersi tolto la mascherina ha sputato addosso a una dottoressa e a un infermiere che stavano cercando di riportarlo alla calma. I due sanitari sono stati messi in quarantena e il locale dove è avvenuto l'episodio è stato evacuato e sottoposto a sanificazione.

"Ho perso un medico e un infermiere validissimi che adesso devono stare in isolamento e non possono dare, come hanno fatto finora, il loro prezioso contributo. Sputare addosso a una persona quando si hanno, in un momento come questo, sintomatologie e febbre, equivale a sparare, non c'è differenza". Così ha condannato l’episodio il direttore generale dell'ospedale Cotugno di Napoli Maurizio Di Mauro. "Sono indignato, ci sono ragazzi che stanno dando l'anima – sottolinea Di Mauro – stamattina ho visto i neo assunti, ragazzine di 23-24 anni che forse non sanno a che cosa stanno andando incontro, pronte a dare il loro contributo in questa battaglia contro il coronavirus".

L’uomo, dopo il vile gesto, è stato denunciato per aggressione e gli è stato comunque effettuato il tampone per riscontrare l’eventuale positività la coronavirus: il risultato dovrebbe arrivare nelle prossime ore.

Condividi su:



Articoli Correlati