10 marzo 2020

L’Italia verso il tracollo finanziario, collassano le borse e annaspa l’economia

Nelle ultime ore abbiamo sentito parlare dello stop al turismo, di bar e ristornati vuoti. Cancellazioni in strutture alberghiere, ma la situazione legata la coronavirus va ben oltre a questo. Perché le perdite che stanno subendo le borse sono davvero allarmanti e si può definire un vero e proprio tonfo economico. Gli economisti parlano chiaro, la situazione relativa a Piazza Affari – la borsa di Milano – è assolutamente allarmante, perché nonostante lunedì la Borsa abbia riaperto, ci sono marchi che non sono riusciti neanche a fare prezzo.

Valute, petrolio e marchi di Stato

Per capire cosa sta accadendo il primo elemento da analizzare è l'Euro / Dollaro USA continua la sessione in rialzo e avanza a quota 1,143. L'Oro prosegue gli scambi con guadagno frazionale dello 0,16%. Prevalgono le vendite sul petrolio (Light Sweet Crude Oil), che continua la giornata a 31,27 dollari per barile, in forte calo del 24,25%. Sensibile peggioramento dello spread, che raggiunge quota +198 punti base, aumentando di 20 punti base, mentre il BTP con scadenza 10 anni riporta un rendimento dell'1,25%. Tra gli indici di Eurolandia lettera su Francoforte, che registra un importante calo del 7,01%, affonda Londra, con un ribasso dell'8,47%, e crolla Parigi, con una flessione del 6,41%. Pioggia di vendite sul listino milanese, che scambia con una pesante flessione del 5,44%, continuando sulla scia ribassista rappresentata da tre cali consecutivi, in essere da giovedì scorso; sulla stessa linea, viene venduto parecchio il FTSE Italia All-Share, che continua la seduta a 21.371 punti. Pessimo il FTSE Italia Mid Cap (-2,46%), come il FTSE Italia Star (-5,0%).

Disastro listino milanese

Nel listino, le peggiori performance sono quelle dei settori beni per la casa (-9,22%), tecnologia (-9,09%) e assicurativo (-8,48%). La giornata a Piazza Affari è nera: tutti i titoli ad alta capitalizzazione sono in perdita. Fra le peggiori performance si segnala quella di Ferrari, che segna un -13,26%. Vendite a piene mani su Nexi, che soffre un decremento del 12,10%. Pessima performance per Poste Italiane, che registra un ribasso dell'11,56%. Sessione nera per Moncler, che lascia sul tappeto una perdita dell'11,51%. Profondo rosso per tutti i titoli del FTSE MidCap. In caduta libera Aeroporto di Bologna, che affonda del 13,73%. Pesante Ivs Group, che segna una discesa di ben -10,05 punti percentuali. Seduta drammatica per MARR, che crolla del 9,01%.

Condividi su:



Articoli Correlati