06 marzo 2020

Napoli, stop al Pronto Soccorso: medico entrato in contatto con paziente infetto senza precauzioni

Sono state sospese le attività del Pronto Soccorso dell'ospedale San Paolo di Fuorigrotta dalle 12 alle 18 per la sanificazione di locali e apparecchiature. A riferirlo è la nota dell’Azienda Sanitaria Locale Napoli 1 Centro. A causare il blocco alle prestazioni è stata appunto la necessaria sanificazione dei locali, dopo che un medico del nosocomio è stato collocato in quarantena perché entrato in contatto con un paziente affetto da coronavirus senza indossare le protezioni (pur avendole a disposizione, come informa la nota dell'Asl).

Il dottore ha fornito assistenza al paziente contagiato ricoverato in tenda di isolamento senza indossare i dispositivi forniti per la sicurezza a differenza dei colleghi, sottolinea la nota. Successivamente il medico ha continuato il suo turno di lavoro nel Pronto Soccorso, sprezzante dei pericoli, ed è stato quindi messo d'ufficio in quarantena domiciliare. Intanto i pazienti presenti nel reparto sono stati trasferiti per ricevere assistenza, ma soprattutto per evitare il contagio che potrebbe aver causato il medico.

Primo guarito in Campania da coronavirus

Tuttavia, c’è anche una buona notizia per la Campania. Si tratta del primo paziente guarito dal Covid-19 al Cotugno di Napoli. La comunicazione della guarigione è arrivata nella giornata di ieri.

E si tratta, dunque, di un passo importante per la regione Campania che ha annunciato di un paziente ricoverato per il virus e pienamente guarito, tanto da essere dimesso dall'ospedale Cotugno, dove si trovava dopo la diagnosi di coronavirus.

Si spera ora che nei prossimi giorni possa arrivare la guarigione anche degli altri casi riscontrati come "positivi" in Campania. E, soprattutto, che le misure straordinarie messe in atto per contrastare l'estensione del coronavirus, che in due settimane ha raggiunto tutte le venti regioni d'Italia, possano servire a portare in breve tempo ad un drastico calo di contagiati.

Condividi su:



Articoli Correlati