02 marzo 2020

Cina, il boia non va mai in vacanza: prima pena di morte legata al coronavirus

Come riferito dal Governo cinese è stata istituita la pena di morte per chi nasconde i sintomi del coronavirus o rifiuta la quarantena. Ma questa volta – la sconvolgente vicenda che arriva dallo Yunnan, una delle province dell'Hubei focolaio del virus – è legata a doppio filo al Covid-19: a essere condannato alla pena di morte, ieri, è toccato al 23enne Ma Jianguo, che ha prima cercato di forzare un checkpoint sanitario e poi ha accoltellato a morte due operatori in camice bianco.

Secondo le motivazioni della sentenza del Tribunale nella provincia sud-occidentale dello Yunnan che ha emesso la condanna a morte per il 23enne: “Jianguo ha gravemente violato le leggi nazionali, proprio quando lo Yunnan era nella fase più critica di un’emergenza per la salute pubblica, ignorando le politiche di controllo dei virus” si legge nella motivazione.

L’uomo stava viaggiando in macchina con un passeggero quando è stato intercettato a un posto di blocco che gli ha intimato l’alt. Secondo il Tribunale, a quel punto il suo passeggero è sceso dall’auto e, ignorando i ripetuti avvertimenti dei poliziotti, ha cercato di rimuovere a forza le transenne che impedivano il passaggio dei veicoli, rifiutandosi di obbedire agli ufficiali che gli intimavano di non farlo. Un funzionario della contea, Zhang Guizhou, presente sul posto, ha estratto allora il suo telefonino per filmare quanto stava accadendo e documentare il rifiuto dei due di rispettare le disposizioni del governo.

A quel punto il condannato, che secondo il racconto successivo dei poliziotti presenti dava la chiara impressione di trovarsi in uno stato di grande agitazione e in preda al panico, ha tirato fuori un coltello a serramanico e ha cominciato a pugnalare Zhang più volte al petto. L’uomo ha poi assalito anche Li Guomin, un funzionario distrettuale presente al checkpoint, che era intervenuto in soccorso del collega, accoltellando anche quest’ultimo ripetutamente. Sia Zhang che Li sono morti più tardi in ospedale per le ferite riportate.

Condividi su:



Articoli Correlati