21 febbraio 2020

Coronavirus: 6 casi in Lombardia. L'appello dell'Assessore Gallera

Salgono a 6 i contagi di Coronavirus in Lombardia. Dopo il 38enne di Codogno, nel Lodigiano, altre 5 persone sono risultate positive al test, fra cui la moglie del "paziente uno", un suo amico e un'insegnante che si è presentata spontaneamente al presidio ospedaliero di Codogno per sintomi sospetti.

"Cerchiamo di individuare tutti i contatti, più o meno stretti, per metterli in isolamento e verificare le loro condizioni di salute", ha detto l'assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera. Secondo l'assessore, i medici dell'ospedale sostengono che il virus potrebbe essersi diffuso a partire da un contagio asintomatico, il collega del 38enne, da poco rientrato dalla Cina.

"Per coloro che riscontrino sintomi influenzali o problemi respiratori - afferma Gallera - l'indicazione perentoria è di non recarsi in Pronto soccorso ma di contattare direttamente il numero 112 che valuterà ogni singola situazione e attiverà percorsi specifici per il trasporto nelle strutture sanitarie preposte oppure ad eseguire eventualmente i test necessari a domicilio".

Intanto, da Bruxelles, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato che saranno disposte "la quarantena obbligatoria, per tutti quelli che sono venuti a contatto con i casi accertati, e una sorveglianza attiva per tutti coloro che negli ultimi 14 giorni sono stati nelle aree a rischio"

 

Condividi su:



Articoli Correlati