17 febbraio 2020

Speranza: "Abbiamo riportato Niccolò in Italia, è negativo al coronavirus"

È finalmente tornato in Italia il giovane Niccolò, il ragazzo di 17 anni rimasto bloccato in Cina a causa di una sospetta febbre. Il suo stato di salute non gli aveva permesso di rientrare il 3 febbraio insieme agli altri 66 Italiani.

"Le condizioni del ragazzo sono buone - ha reso noto il Ministro della Salute Roberto Speranza, che ha sentito Niccolò al telefono -. Siamo molto soddisfatti di averlo riportato qui, dopo i due tentativi precedenti".

I controlli sul diciassettenne, si apprende da fonti del Ministero, non si sono ancora conclusi, ma dalle analisi effettuate sinora emerge che Niccolò non è affetto dal coronavirus. Solo una febbre dunque, e nessun sintomo sospetto.

Niccolò si trovava in Cina dallo scorso agosto, insieme a un gruppo di cento studenti del progetto Intercultura. Dopo l'inizio dell'epidemia, è rimasto chiuso per settimane in un'abitazione di campagna nei pressi di Wuhan. Il suo obiettivo ora è ritornare in Cina appena possibile, per proseguire gli studi e ringraziare di persona i professionisti della sanità che lo hanno assistito.

Fonte: ANSA

Condividi su:



Articoli Correlati