12 febbraio 2020

Infezione Covid-19. Balzanelli: "Urgente un tavolo con il Sistema 118"

Chiedo al Ministro della Salute Roberto Speranza che venga convocato urgentemente un tavolo presso cui discutere il protocollo di attivazione e gestione dedicata del Sistema 118 in risposta alla infezione da virus Covid 19 al fine di rendere uniforme la risposta istituzionale del Sistema di Emergenza Territoriale (SET 118) in tutti i territori regionali.

Il ruolo svolto dal Sistema di Emergenza Territoriale 118 nella gestione dei casi sospetti o conclamati secondari ad infezione Covid-19 è, infatti, di estrema ed insostituibile importanza.

Il Sistema 118 è, al riguardo, chiamato – sulla base del riscontro del dato che abbina la recente provenienza dalle aree geografiche interessate e/o il contatto accidentale con soggetti provenienti dalle stesse, più o meno associato all’insorgenza acuta di segni e sintomi di interessamento flogistico a carico dell’apparato respiratorio, ad intercettare il paziente, sia per il tramite della Centrale Operativa 118 sia, a seconda dei contesti, direttamente da parte degli equipaggi intervenuti presso lo stesso, in servizio presso le sue postazioni territoriali, mobili o fisse, ed è quindi chiamato a prenderlo in carico e a trasportarlo presso il centro ospedaliero di riferimento individuato a livello dei vari territori regionali in condizioni di assoluta sicurezza riguardo gli operatori.

Questioni cruciali, sul piano operativo, quali la disponibilità sul campo di ambulanze dedicate per il trasporto dei pazienti in condizioni di alto isolamento (pressione negativa, vano sanitario isolato etc) e la disponibilità di barelle ad elevato bio contenimento, da rendersi con urgenza, mediante lo strumento normativo costituito da precise disposizioni ministeriali, di dotazione assolutamente obbligatoria a livello di tutti i SET 118 del Paese,  nonché la definizione delle caratteristiche dei DPI da utilizzare da parte del personale dei SET 118 impegnati nella gestione dei casi sospetti o conclamati secondari ad infezione Covid-19, inclusiva della specifica delle corrette procedure di vestizione e svestizione degli operatori, nonché la definizione delle procedure da osservare nelle fasi di preparazione all’intervento, al momento della presa in carico del paziente, durante il trasporto ed alla fine dello stesso, con indicazione precisa dei mezzi, dei criteri e delle procedure di sanificazione dei mezzi di soccorso intervenuti e dei DPI utilizzati, meritano l’attenzione di un documento dedicato del Ministero della Salute alle fasi complessive di intervento del SET 118, al fine di evitare eventuali difformità ed eventuali margini di inappropriatezza in fase applicativa a livello dei vari territori regionali.

Assolutamente prioritaria la necessità che il Ministero della Salute chiarisca agli atti alle Regioni in quali contesti e per quali compiti il Sistema 118 non deve essere coinvolto, come, ad esempio, riguardo al caso riportato recentemente da colleghi aderenti alla SIS 118 della regione Sardegna, i quali ci riferiscono addirittura l’invio di ambulanze e di equipaggi del SET 118 per effettuare tamponi nasali e faringei al domicilio di pazienti eventualmente afferenti ai criteri di identificazione di caso sospetto e, quindi, per trasportare gli stessi tamponi in ospedale.

Il Sistema 118 venga messo istituzionalmente nelle condizioni più idonee per operare nel corso di questa vera e propria emergenza della Sanità mondiale, così come sancito agli atti dall’OMS, e contestualmente le istituzioni non consentano che si possa abusare del 118 per compiti che non gli spettano.

 

Mario Balzanelli, Presidente nazionale Società Italiana Sistema 118

Condividi su:



Articoli Correlati