28 gennaio 2020

La mia bambina ha il cancro: “Aiutatemi a starle vicino”

La storia di Pasquale e di sua figlia Benedetta è straziante e piena di dolore.  La bimba, soli due anni, ha un astrocitoma pilocitico: un cancro del sistema nervoso centrale a crescita lenta, già molto vasto quando è stato scoperto. Dopo aver mostrato febbre e malessere, alla bimba inizialmente fu diagnosticata una otite, ma la diagnosi, purtroppo, non era quella corretta. Infatti, solo dopo alcune settimane e diverse visite mediche in centri specializzati, Pasquale ha capito cosa avrebbe dovuto affrontare; un cancro già diffuso.

Tuttavia, le cure per cercare di salvare la vita di Benedetta sono costose e dispendiose, così Pasquale sta cercando un supporto economico per stare vicino a sua figlia: “Ci siamo rivolti a GoFundMe per poter avere un aiuto economico. Ho pensato anche di cedere la mia attività”.

"A due anni mia figlia soffre di un grave tumore cerebrale. Ho pensato di cedere la mia attività per poter restare a Genova e starle vicino durante le cure. Per questo chiedo un aiuto". A parlare è papà Pasquale, 54 anni, di origine napoletana ma residente nel milanese, che dallo scorso agosto sta cercando di affrontare al meglio la malattia della sua bambina, Benedetta, a cui è stato diagnosticato un astrocitoma pilocitico, vale a dire un cancro a crescita lenta ma già molto vasto quando è stato scoperto.

Ha dovuto trasferirsi a Genova per poterle permettere di continuare le cure presso l'ospedale Gaslini, dove resterà ancora per alcuni mesi, in attesa che la lesione cerebrale della piccola si riduca senza ricorrere a nuovi interventi chirurgici. Per far fronte alle difficoltà economiche che si è trovato ad affrontare insieme alla sua compagna, ha deciso di aprire una raccolta fondi sulla piattaforma GoFundMe. "Un aiuto mi consentirebbe di azzerare i debiti accumulati, di chiudere la mia attività di Gallarate e i conti con la banca, oltre all'affitto di casa a Milano e a Genova".

Il cuore grande e le donazioni potrebbero consentire a un papà disperato di restare vicino a sua figlia nel momento più brutto di sempre.

Condividi su:



Articoli Correlati