25 gennaio 2020

Virus cinese, rientra l'allarme a Napoli per un presunto caso: semplice influenza

A tarda sera è giunta all'ospedale Cotugno di Napoli una donna di 63 anni dello Sri Lanka con febbre alta e gravi problemi respiratori. È stata immediatamente isolata e sono stati effettuati accertamenti per chiarire se sia stata colpita dal coronavirus di Wuhan oppure abbia contratto un'altra malattia.

La donna era tornata appena una settimana fa dal suo paese d'origine e martedì scorso ha iniziato a mostrare i sintomi della malattia. Dopo tre giorni di febbre alta e con l'aggravarsi dei problemi respiratori, i familiari si sono decisi a contattare il 118 per il trasporto in ospedale.

I sanitari giunti a casa della donna, dopo aver constatato che le condizioni di salute erano compatibili con quelle del coronavirus, hanno messo in atto le procedure di allerta contattando immediatamente il Cotugno dove un'equipe di medici ha accolto la paziente, che è stata sottoposta agli accertamenti del caso. 

Tuttavia, si tratta di un falso allarme, come ha comunicato il Ministero della Salute. Il terzo dopo i due casi di Bari e Parma rivelatisi poi semplici influenze.

Virus killer, gli ultimi aggiornamenti

E' salito a 41 morti, dopo 15 nuovi decessi nelle ultime ore, il bilancio ufficiale delle vittime del coronavirus in Cina. Lo hanno riferito le autorità cinesi, precisando che le persone ora infette hanno superato il migliaio.

Le ultime 15 vittime si sono state registrate nella capitale provinciale di Wuhan, la città di 11 milioni considerata l'epicentro dell'epidemia, come ha riferito la Commissione sanitaria di Hubei.

Wuhan e altre 13 città della provincia sono state isolate in uno sforzo senza precedenti per contenere il micidiale virus respiratorio che intanto si va diffondendo in altre aree della Cina e in altri Paesi.

La commissione sanitaria ha inoltre 180 nuovi casi nella provincia, 77 dei quali a Wuhan, ma per il resto il contagio ha riguardato città più piccole e scarsamente collegate. Il dato si aggiunge agli 830 casi conclamati di infezione a livello nazionale.

 

Fonte: ANSA, Il Mattino
 

 

 

Condividi su:



Articoli Correlati