03 dicembre 2019

Novità per i medici in Campania: ambulatori aperti anche di sera, ma non solo

Le organizzazioni sindacali di categoria hanno appena siglato alla Regione Campania l’accordo regionale integrativo per la medicina generale. Le novità sono molte, ma ecco le più importanti:

-          Gli studi dei medici di famiglia resteranno aperti nell’arco delle 12 ore, con due turni (dalle 8 alle 20) attivati in ogni quartiere della città e in tutta la regione;

-          Le cartelle cliniche elettroniche saranno condivise per il monitoraggio clinico e prescrittivo di ogni paziente;

-          Vi sarà un collaboratore di studio per ciascun medico che si occuperà di portare a termine gli adempimenti burocratici e amministrativi (in modo tale da lasciare al medico più tempo nell’occuparsi dell’assistenza ai pazienti);

-          Saranno assunti tre infermieri per ogni gruppo di 20 medici riuniti nelle 174 aggregazioni funzionali territoriali;

-          Tutti i dati clinici relativi all’incidenza e mortalità per tumori confluiranno nella nuova piattaforma informatica regionale Sinfonia e arricchiranno le banche dati dei registri.

La Regione, dal canto suo, ha stanziato 3 milioni di euro che si aggiungono ai 7 della precedente convenzione con l’obiettivo di riqualificare e riorganizzare l’assistenza sanitaria di primo livello.

Pronti a partire, dunque, per il prossimo primo gennaio con le aggregazioni funzionali territoriali tra i medici riordinando l’assistenza degli studi medici e degli ambulatori distrettuali specialisti.

Fonte: Il Mattino

Condividi su:



Articoli Correlati