18 novembre 2019

Professore di educazione fisica salta la corda con in braccio studente disabile

Mai avrebbe pensato João Hoffmann, professore di educazione fisica della scuola di Taubaté a San Paolo, che il video in cui salta la corda con in braccio un suo studente disabile sarebbe diventato virale.

Un gesto normale per l’insegnante che da sempre è sensibile al tema della disabilità e cerca di trasmettere a tutti i suoi studenti l’importanza dell’inclusione, del non lasciare mai nessuno ai margini della società.

Il video ha ottenuto più di 1 milione di visualizzazioni e 29 mila condivisioni, così Hoffmann ha voluto pubblicare un post sulla sua pagina Facebook: “#Gratitudine... tutto quello che ho passato in questi giorni si riduce a questa parola! Grazie a ognuno per i messaggi positivi, per le condivisioni per la forza che ho ricevuto da voi! Non ho parole per descrivere come mi sento in questo momento...

Il piccolo protagonista della storia è Heitor che, costretto in sedia a rotelle, aveva espresso il desiderio di saltare anche lui la corda, così come stavano facendo tutti i suoi compagni. Il professor Hoffmann non ci ha pensato su due volte, anche il suo piccolo studente aveva il diritto di divertirsi, così lo ha preso in braccio e ha cominciato a saltare la corda insieme a lui mentre un altro insegnante riprendeva con il cellulare la tenera scena.

Per chi è curioso, questo video è stato registrato spontaneamente dal prof Guilherme Montoani e grazie a questa iniziativa ho potuto trasmettere un po’ del mio lavoro nella scuola dove cerco sempre di includere tutti gli studenti, indipendentemente dai loro limiti, nelle mie lezioni”, ha spiegato Hoffmann.

Heitor, infatti, non si sente più escluso e il suo umore è notevolmente migliorato anche a casa: “La lezione di educazione fisica era sempre una lezione che non era così divertente, gli insegnanti finivano per andarsene perché era disabile e non avevano modo di includerlo ‒ ha ammesso la madre del bambino, Natália Nascimento Magalhães, intervistata da G1 ‒.  Ora è molto diverso. I suoi giorni preferiti sono martedì e giovedì, quando ci sono lezioni di educazione fisica. Il lavoro svolto da João è straordinario”.

È proprio grazie all’innocenza dei bambini che il professor Hoffmann ha capito quanto fosse importante, da insegnante, avere un impatto positivo sulle loro vite: “Non avrei mai immaginato che un gesto così semplice potesse avere un tale impatto, dopo tutto, noi professionisti dell'educazione fisica lavoriamo in tutti i settori promuovendo l'inclusione sociale delle persone attraverso l’attività fisica, sempre cercando di diffondere gentilezza in modo che tutti possano migliorare la loro qualità di vita”.

Spero che il messaggio sia stato passato, e che questo gesto sia un seme nel cuore di tutti per guardare con più attenzione all'inclusione sociale. Che Dio benedica la vita di ognuno di voi! Andiamo insieme a fare la differenza in questo mondo!”, ha concluso Hoffmann.

 

Fonte: Facebook

 

 

 

Condividi su:



Articoli Correlati