16 luglio 2019

Inghilterra. Si cerca il "gemello genetico" della piccola Phoebe

Phoebe Ashfield ha appena un anno di vita e già lotta contro una leucemia linfoblastica acuta come una vera guerriera. Nel West Midlands, Inghilterra, dove vive insieme alla mamma Emma e al papà Jordan, 26 anni, si sono mobilitati in tanti per aiutarla: 600 persone hanno effettuato i tamponi per la tipizzazione nel tentativo di individuare il gemello genetico di Phoebe e salvarle la vita.

Le chemio per lei non hanno funzionato e la piccola, infatti, ha urgente bisogno di un trapianto di midollo. I suoi genitori, una volta scoperto di non essere compatibili, hanno lanciato un appello su Facebook: “È stato così travolgente – ha commentato Emmache le persone impiegassero del tempo per vedere se fossero compatibili con Phoebe. I ringraziamenti non sono abbastanza”.

Per i giovani genitori la malattia è stata un fulmine a ciel sereno. Come hanno raccontato ai media inglesi, era cominciato tutto con quello che sembrava essere un semplice raffreddore, poi quando Phoebe aveva appena 7 mesi la diagnosi.

I medici del Sandwell Hospital pensavano si trattasse di anemia, ma una volta effettuate le analisi del sangue si è scoperto il tumore: “Non sapevo di che tipo fosse fino a quando non ci hanno trasferito al Birmingham Children's Hospital, dove è stata effettuata la diagnosi”, ha spiegato la mamma.

Adesso la rapidità è l’unica speranza per Phoebe, il cui appello è stato coordinato da Dkms, un ente di beneficenza che colloca le persone sul registro delle cellule staminali. I genitori della piccola attendono, ma hanno affermato alla BBC: “Se anche non si salva la vita della bimba, si potrebbe salvare quella di un altro piccolo”.

 

 

Sabrina Autiero
Fonte: ANSA

Condividi su:



Articoli Correlati